“Dottore, mi riattacchi la mano”